Nessun dubbio: Tavi Gevinson fa visita a Gwen Stefani al L.A.M.B. Studio

 L'immagine può contenere una persona umana, mobili, stanza, spogliatoio, interni, abbigliamento e abbigliamento

Non posso dire di essere entusiasta della recente tendenza delle celebrità trasformate in designer. In effetti, sono uno scettico. Troppo spesso sento che ci si aspetta che le persone lascino cadere un paio di centinaia di dollari solo perché la celebrità di X è stata brava nella sitcom di Y, rendendo così in qualche modo le capacità di progettazione di X di prim'ordine. Quindi, pur essendo un fan della musica di Gwen Stefani, non sapevo cosa aspettarmi quando sono entrato nel L.A.M.B. studio.

Gwen ed io siamo andati direttamente a posare per le foto che vedete qui, mentre discutevamo della colorazione dei capelli, eriche , e la volta che ci eravamo incontrati in precedenza (è stato fantastico che Gwen si sia ricordata di me un anno dopo!). Quando il fotografo ha suggerito di sembrare più attivi, Gwen ha detto cose come 'Lascia che ti mostri questa borsa!' in un modo sarcastico che prendeva in giro quanto fosse imbarazzante creare l'illusione di una conversazione naturale attraverso le espressioni a metà frase. Ancora meglio è stato quando ha indicato una busta di campioni mal riuscita e ha sorriso alla telecamera, pronunciando a denti stretti: 'Vedi questi puntini? Mi fanno venire voglia di prendere a pugni qualcuno'. La sua rabbia seccamente umoristica ma composta mi ha ricordato il suo atteggiamento nel video di 'Just a Girl' dei No Doubt. Questo non vuol dire che non fosse entusiasta della collezione, solo abbastanza intelligente da preoccuparsi delle condizioni dei suoi modelli. Entusiasmata di mostrarlo a un estraneo e ricevere feedback, aveva storie dietro ogni pezzo, molti dei quali davano ai tessuti di ispirazione africana una forma streetwear. Alcune delle mie cose preferite (Gwen non è l'unica che può fare riferimento Il suono della musica !) includeva una borsa da vista, un vestito con stampa di farfalle e jeans decostruiti.

Discutendo di come è nato il marchio, ha detto che non voleva dargli il suo nome e che spera che coloro che comprano i suoi vestiti lo facciano per i capi, non per la sua celebrità. Quando Gwen mi ha mostrato diversi modi in cui avrebbe acconciato un paio di quelli che ha soprannominato 'pantaloni da galera', mi è venuto in mente un vecchio video che avevo visto su YouTube: Gwen ha 22 anni, è pre-fama, e mostra alla telecamera una 'prigione' fai-da-te vestire.' L'uso dell'identità personale è ciò che fa sì che i suoi disegni non derivino dalle apparenze dei tabloid ma agiscano come un ulteriore riflesso di lei come artista. Come la sua musica, abbracciano un lato di lei che è sfacciatamente unico, sia che lo esegua attraverso stampe caleidoscopiche o cantando un amichevole promemoria: 'È la mia vita!'