La strada di casa

Rachel Lin è cresciuta persa nella confusione dell'affidamento. Lo scorso autunno, ha battuto le probabilità iniziando a Vassar. Sono nata a Taiwan, mia madre mi ha avuto quando aveva circa diciassette anni. Io sono... Rachel Lin è cresciuta persa nella confusione dell'affidamento. Lo scorso autunno, ha battuto le probabilità iniziando a Vassar.

Sono nata a Taiwan, mia madre mi ha avuto quando aveva circa diciassette anni. Ho un anno e un giorno in meno di mia sorella Maggie. Una banda di strada ha ucciso mio padre non molto tempo dopo la mia nascita. Quando ero ancora molto piccola, mia madre ha avuto un ragazzo. Abbiamo vissuto con lui per un po', ed è stato terribile. Spesso eravamo lasciati soli nell'appartamento e lui non ci trattava bene. Uno dei miei ricordi più vividi dell'infanzia è quando io e Maggie abbiamo cercato di scappare. Una notte, quando avevo circa sei anni, siamo andati a portare fuori la spazzatura e siamo scappati. Ma siamo stati prelevati e portati a casa abbastanza rapidamente.

Alla fine, Maggie e io andammo a vivere con la madre di mio padre. Ma mia madre non voleva arrendersi e ha cercato di riaverci. Così, quando avevo circa sette anni, mia nonna ha venduto tutti i suoi gioielli, ci ha fatto le valigie e ci ha portato in America, dove aveva una famiglia.

Ci siamo trasferiti in una piccola città chiamata Walnut, fuori Los Angeles. Mia nonna ha affittato una stanza in una casa da qualcuno. Ma le cose non andavano ancora bene. Mio zio ha iniziato a picchiarci e quando io e Maggie siamo andati a scuola, gli insegnanti se ne sono accorti. Chiedevano: 'Come ti sei fatto quei lividi?' Abbiamo mentito, perché dovevamo. Ma arrivò al punto in cui, in prima o seconda elementare, mio ​​zio mi colpì così forte che mi si ruppe l'appendice che dovette essere rimossa. Questo è stato sufficiente per indurre lo stato a prenderci sotto la sua supervisione, quindi mia sorella ed io siamo stati inseriti nel sistema di affidamento.



Dopo che sono uscita dall'ospedale, io e Maggie ci siamo trasferiti con la mia prima famiglia adottiva. Eravamo davvero spaventati: non parlavamo ancora molto inglese e non ci sentivamo a nostro agio nei nostri dintorni. Nel frattempo, mia nonna era tornata a Taiwan perché non poteva fare nulla poiché ora eravamo nel sistema statale. Per un po' siamo stati trasferiti in una seconda famiglia affidataria, prima di essere sistemati a casa della mia prozia. Era una situazione migliore perché conoscevamo la famiglia e potevamo parlare mandarino con loro. Ci siamo rimasti fino alla fine del mio anno di quinta elementare.

Una notte, mentre io e Maggie stavamo guardando la TV, abbiamo ricevuto una telefonata dal nostro assistente sociale. Ha detto: 'Ti sposteremo'. Mia sorella era completamente devastata, ma io ero troppo giovane per preoccuparmene davvero.